Non sempre la verità è quella che appare. Ce lo dice con ironia e arguzia l’autore di queste tre storie che raccontano “casi giudiziari” appartenenti ad un passato che li sottrae alla cronaca.
Tre vicende dai colori del giallo che talvolta si tingono di rosso senza mai scivolare nel pulp. Tranche de vie, dove storia e quotidianità si incontrano per regalarci emozioni e suggestioni di una Toscana nelle cui strade, per l’economia delle storie, si possono scorgere tracce di tutti i piccoli borghi e cittadine del nostro Paese.
Rainaldi incanta il lettore con la semplicità del linguaggio per trasportarlo dentro vicende che talvolta si fanno drammatiche e inquietanti, ma che sempre trovano riscontro in un realismo che non si fa mai didascalico e di maniera, mantenendo quel tono di fabula che fa della realtà una fascinosa metafora.